Autore Topic: messaggio da mario guarino per cominciare  (Letto 649 volte)

Natale De Falco

  • Administrator
  • Newbie
  • *****
  • Post: 9
messaggio da mario guarino per cominciare
« il: Maggio 06, 2016, 08:00:33 am »
In realt? non c'? nulla di modificabile perch? si tratta di delibere e protocolli d'intesa gi? prodotti e con tanto di presa d'atto.
E' ovvio che tutte le emergenze-urgenze (psichiatriche e non) sono di competenza dell DEA (in questo caso del territorio).
Lo psichiatra (cos? come tutti gli altri specialisti) ? un consulente del medico d'urgenza che prende in carico il paziente.
Non potendo intervenire sui contenuti del protocollo (le cose si decidono senza coinvolgere chi poi le dovr? fare effettivamente), io batterei sulla formazione attenta, dettagliata e verificata su alcuni argomenti: le emergenze-urgenze psichiatriche; il riconoscimento degli eventi sentinella di aggressione; la valutazione dei rischi evolutivi (suicidio); la farmacologia delle patologie psichiatriche (antidepressivi, antipsicotici, sedativi, le nuove droghe che determinano alterazioni del comportamento etc.) e gli effetti collaterali di tali farmaci e/o droghe (allungamento del QT, acidosi metabolica da triciclici etc.); i sedativi (benzodiazepine, diprivan, ketamina); la sedazione "needleless"; le valutazioni medico-legali legate alla contenzione fisica.

Qualche riflessione.
Sembra un autentico ossimoro: ma se nel TSO sia il medico che propone, sia il medico che dispone, non devono essere obbligatoriamente specialisti (vedi protocollo d'intesa), perch? il medico d'urgenza non pu? accompagnare direttamente il paziente al SPDC?
Inoltre, i pazienti con le famose DOPPIE DIAGNOSI (da dipendenza e psichiatrica) corrono il rischio di non ricevere le dovute tutele elencate e sottolineate dal Dott. Maurano (esperienza comune ?: lo psichiatra non lo vuole prendere in carico perch? tossico e il medico del SERT non ne vuole sapere perch? psichiatrico) rimanendo, quasi sempre, in carico al medico d'urgenza (118 e PS).
Si sfiora il problema delle emergenze sociali (clochard, alcolisti, migranti etc.) che necessiterebbe (quello si) di un protocollo d'intesa con gli assistenti sociali (figure "missing" del SSN) del comune di Napoli.

Natale De Falco

  • Administrator
  • Newbie
  • *****
  • Post: 9
proviamo a parlare
« Risposta #1 il: Maggio 06, 2016, 08:01:53 am »
ottimi spunti proviamo a parlare

Natale De Falco

  • Administrator
  • Newbie
  • *****
  • Post: 9
dice gianpiero fusco
« Risposta #2 il: Maggio 06, 2016, 08:16:41 am »
 Buongiorno a tutti :

la questione ? semplice : sulle "agitazioni psicomotorie " deve andarci prima lo psichiatra ed eventualmente , in caso di

accertata natura non specifica della questione allertare l'abz medicalizzata .

Infatti nella maggioranza del casi si tratta di pazienti gi? noti o gi? seguiti dalle UOSM territoriali o comunque si tratta

spesso di liti familiari o condominiali che nulla hanno a che vedere con la medicina d'urgenza .

Tenuto conto che ogni intervento su casi del genere comporta tempi di espletamento lunghissimi e in ragione della

cronica scarsit? di abz medicalizzate sul territorio a mio parere questa ? la strategia migliore .

Saluti

G. Fusco

brunoital

  • Newbie
  • *
  • Post: 1
    • Annunci Subito.it
Re:messaggio da mario guarino per cominciare
« Risposta #3 il: Aprile 22, 2017, 12:18:39 pm »
Salve.